Accoglienza: Anci, attivi 877 progetti in 1.825 i Comuni interessati. Con gli Sprar il 70% delle persone accolte apprende un lavoro e impara l’italiano

Oggi la rete Sprar è costituita da 877 progetti territoriali di accoglienza, con 1.825 Comuni interessati. I posti di accoglienza sono 35.881, di cui 3.500 per minori stranieri non accompagnati e 734 per persone con disagio mentale o disabilità. Sono alcuni dei dati forniti oggi da Anci, l’Associazione nazionale Comuni italiani.
Secondo Anci, nel corso del 2017 nei 31.340 posti disponibili sono stati accolti 36.995 beneficiari, 2.117 i nuclei familiari composti da 6.346 persone in totale. I minori sono stati 4.584 di cui 3.127 senza famiglia (Msna – minori stranieri non accompagnati). Tra quelle accolte, 7.800 sono le persone con esigenze particolari perché vittime di tortura e di violenze, vittime di tratta di esseri umani, donne sole in stato di gravidanza, con problemi di carattere sanitario.
Anci sottolinea poi che il 70% delle persone uscite dallo Sprar nel 2017 (oltre 9.000) ha terminato il percorso di accoglienza avendo acquisito gli strumenti per una propria autonomia. Risultano 25.480 gli adulti che hanno frequentato almeno un corso di lingua, 15.976 un corso di formazione professionale e svolto un tirocinio formativo. 4.265 i beneficiari che hanno trovato un’occupazione lavorativa.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia