Diabete: Medici Cuamm, “in Africa una malattia emergente che non trova una risposta strutturata”

Oggi si celebra la Giornata mondiale del diabete, una ricorrenza voluta nel 1991 dall’Organizzazione mondiale della Sanità per sensibilizzare su questa malattia cronica molto più diffusa di quanto si potrebbe pensare. Il tema di quest’anno, infatti, è “Famiglia e diabete”. Ogni famiglia nel mondo ne è colpita. L’Africa non fa eccezione, anzi nel continente si può parlare di “epidemia emergente” che non trova una risposta strutturata a causa della fragilità dei sistemi sanitari locali. Medici con l’Africa Cuamm, grazie al sostegno di Wdf (World Diabetes Foundation) sta lavorando per rispondere a un bisogno reale della popolazione africana, in particolare, in Angola, Etiopia, Sierra Leone e Mozambico (dove l’impegno contro il diabete è sostenuto oltre che da Wdf, anche dall’Aics, Agenzia italiana per la cooperazione e lo sviluppo).
Tra le attività implementate: prevenzione, diagnosi e cura del diabete; screening nelle donne in gravidanza e nei neonati; formazione di operatori sanitari perché siano in grado di individuare e gestire i malati; fornitura di equipaggiamento e attrezzature per la diagnosi. Interventi che Medici con l’Africa Cuamm sta implementando in 24 ospedali e 105 centri di salute distribuiti nei territori di questi quattro paesi.
Oggi nelle principali piazze di Luanda (Angola), Maputo e Beira (Mozambico), Freetown (Sierra Leone) e Addis Abeba (Etiopia) si terranno proposte di sensibilizzazione e coinvolgimento della popolazione che sarà invitata a partecipare creando un grande cerchio, con indosso T-shirt blu, il colore della lotta al diabete. Un gesto simbolico per “accerchiare” questa malattia dimenticata in contesti come quello africano.
“I dati dimostrano che in Africa il diabete è un problema serio per la popolazione, è una nuova sfida che richiede risposte che come Cuamm stiamo dando in modo concreto e capillare – spiega Andrea Atzori, responsabile dei Rapporti internazionali di Medici con l’Africa Cuamm -. In tutti e 4 i Paesi in cui interveniamo per il diabete cerchiamo di fare diagnosi precoce e trattamenti, in stretta collaborazione con le associazioni locali che si occupano di questa malattia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo