Povertà sanitaria: Li Bassi (Aifa), “realizzare sinergie tra istituzioni, enti no profit e filiera. Bisogno cure è uguale per tutti”

“Per l’Agenzia italiana del farmaco, il cui obiettivo primario è la tutela della salute attraverso i medicinali, è fondamentale realizzare sinergie tra le Istituzioni, gli enti no profit e l’intera filiera del farmaco con l’obiettivo di eliminare quelle barriere socio-economiche, culturali e geografiche che possono ostacolare l’accesso alle terapie. Il bisogno terapeutico è uguale per tutti i cittadini e non può conoscere limitazioni”. Lo afferma il direttore generale dell’Aifa, Luca Li Bassi, commentando il Rapporto 2018 “Donare per curare: Povertà sanitaria e donazione farmaci”, promosso dalla Fondazione Banco Farmaceutico onlus e BFResearch, realizzato dall’Osservatorio donazione farmaci (Odf – organo scientifico Banco farmaceutico) e presentato questa mattina a Roma, presso la sede dell’Agenzia. Facendo gli onori di casa, il direttore generale spiega che “le analisi messe a disposizione da Banco farmaceutico attraverso l’Osservatorio sulla povertà sanitaria rappresentano un importante contributo di conoscenza sia per analizzare la situazione socio-economica del nostro Paese e le sue ricadute sulla salute pubblica, sia per individuare strategie di politica sanitaria che tengano conto della correlazione esistente tra povertà e stato di salute dei cittadini”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori