Libia: al via la Conferenza di Palermo. Conte, “il popolo libico possa decidere in via democratica del proprio futuro”

“L’Italia ha promosso questa conferenza perché vuole offrire un contributo, nel quadro della Nazioni Unite, al processo di stabilizzazione della Libia”. A Palermo “saranno presenti i principali protagonisti dello scenario libico,10 tra capi di Stato e di governo, altri 20 Paesi saranno rappresentati dai ministri degli Esteri. Saranno qui presenti anche i principali organismi internazionali”. Così il premier italiano Giuseppe Conte in un video che anticipa l’avvio a Palermo della Conferenza per la Libia. “Tutto questo – aggiunge il premier – perché cessino gli scontri armati e la Libia sia avviata ad un percorso di stabilizzazione. Lo facciamo per il popolo libico e perché vogliamo che il popolo libico possa decidere in via democratica del proprio futuro”.

Alla conferenza, che inizia in questi minuti con la cerimonia d’apertura, partecipano circa 40 delegazioni: ci sono il premier russo Dimitri Medvedev e il viceministro degli Esteri Mikhail Bogdanov, per gli Stati Uniti il consigliere speciale del Dipartimento di Stato per il Medioriente, David Satterfield; poi il sottosegretario agli Esteri tedesco Niels Annen, il presidente egiziano Abdel Fatah al Sisi, il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, e l’Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione, Federica Mogherini. Al tavolo anche rappresentanti di Lega Araba, Fondo monetario internazionale e Banca Mondiale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano