Giornata mondiale poveri: Caritas Catania, il “Pranzo di S. Elisabetta” per 300 bisognosi, una veglia di preghiera e una raccolta di alimenti

Saranno trecento i bisognosi di Catania che domenica prossima siederanno alla tavola apparecchiata nella navata centrale del santuario di S. Francesco in occasione dell’8ª edizione del “Pranzo di S. Elisabetta”, a cui parteciperanno anche l’arcivescovo di Catania, mons. Salvatore Gristina, e il sindaco della città siciliana, Salvatore Pogliese. Il pranzo è uno dei due momenti che la l’arcidiocesi di Catania promuove in occasione della seconda edizione della Giornata mondiale dei poveri, istituita da Papa Francesco al termine del Giubileo della misericordia, nel 2016. Accanto al pranzo, la Caritas diocesana promuove, sabato 17 novembre (a partire dalle 19.30), sempre al santuario di S. Francesco una veglia di preghiera e una raccolta di alimenti a lunga scadenza per le mense gestite dalla Caritas. All’organizzazione dei due appuntamenti stanno collaborando l’Ordine francescano secolare (Ofs), la Consulta delle aggregazioni laicali, la Caritas diocesana e l’istituto tecnico industriale “S. Cannizzaro”. L’appuntamento per il pranzo di domenica prossima è dopo la s. messa che don Piero Galvano, direttore della Caritas diocesana, presiederà alle 11 in santuario. “Sul calendario Caritas 2019, c’è un pensiero, ‘Il Signore ci dà la vita libera e noi attratti dal superfluo della società ci sentiamo schiavi di noi stessi’ – spiega don Galvano -. Questo pensiero ci aiuti ad aprire il nostro cuore alla generosità, all’altruismo e a non essere schiavi del nostro egoismo”. “Siamo direttamente coinvolti con le nostre famiglie della fraternità – spiega l’Ofs di Catania – nella preparazione di un pranzo che diventerà un momento di festa per circa 300 poveri della città. Per tutti noi non si tratta di un episodio isolato, ma la naturale prosecuzione della nostra esperienza di servizio alla mensa Caritas dell’Help Center”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo