This content is available in English

Consiglio d’Europa: Strasburgo, assemblea parlamentare. In agenda islam e radicalizzazione, migrazioni, sicurezza nucleare

Si apre oggi a Strasburgo la sessione d’autunno dell’assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (8-12 ottobre) con un denso ordine del giorno che prevede nella giornata odierna un dibattito sul “rafforzamento del processo decisionale relativo ai poteri e al voto”. Tra i temi dei lavori un dibattito sul finanziamento straniero dell’islam in Europa e sulla radicalizzazione dei migranti e delle comunità della diaspora; il trattamento dei minori palestinesi nel sistema giudiziario israeliano, le migrazioni dal punto di vista della differenza di genere, la riunificazione familiare negli Stati membri, l’uguaglianza tra donne e uomini nella vita privata indipendentemente dall’orientamento sessuale e la sicurezza nucleare in Europa. Infine, un dibattito sarà dedicato al “ruolo dei parlamenti nazionali per la riuscita dei processi di decentramento”. È previsto inoltre l’intervento del ministro degli Affari esteri della Tunisia. Nel calendario settimanale del Consiglio c’è anche per il 10 ottobre l’“apertura alla firma” di un protocollo di modifica della convenzione sulla protezione dei dati (Convenzione 108) in relazione alle “sfide poste dalla privacy dall’uso delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione”, per “rafforzare il meccanismo della Convenzione e garantirne l’effettiva attuazione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa