Diocesi: Grosseto, domani l’accoglienza di alcune reliquie di Paolo VI

Saranno accolte domani, venerdì 5 ottobre, a Grosseto alcune reliquie appartenute al beato Paolo VI, di cui ricorrono i 40 anni della morte e che il 14 ottobre Papa Francesco proclamerà santo. Si tratta di un frammento di talare del Pontefice, di un Evangeliario, di due stole e un biglietto autografo del Papa al suo ex segretario mons. Bossi. “Sono tutte reliquie che rimandano alla missione che questo straordinario Pontefice ha svolto nella Chiesa in tutti i compiti che lo hanno visto coinvolto e che hanno raggiunto il punto più alto negli anni del suo Pontificato”, si legge in una nota della diocesi.
L’iniziativa è promossa dall’Ufficio diocesano missionario nel mese che la Chiesa dedicata alle missioni, “come omaggio al Pontefice che impresse un’apertura internazionale al ministero petrino. Restano impressi nella memoria di molti, infatti, i viaggi che Paolo VI, da ‘pellegrino di pace e carità’ compì in Terra Santa, in India, all’Onu, in Turchia, in Uganda, nelle Filippine, nelle Isole Samoa, in Australia, a Fatima, in Colombia a Ginevra”.
Le reliquie, provenienti dalla diocesi di Albano Laziale e da Nomadelfia, sosteranno nella cattedrale di Grosseto fino a lunedì 8. Attorno alla loro presenza tanti momenti di incontro, preghiera e riflessione. Si inizia domani alle 16.30 con l’incontro con Paolo Trionfini, direttore dell’Istituto Paolo VI per la storia dell’Azione Cattolica e del movimento cattolico in Italia, che terrà una conferenza su “Paolo VI un missionario moderno”. Alle 18 il rito di accoglienza delle reliquie e la Messa. Infine la sera alle 21, sempre in duomo, veglia diocesana missionaria. Sabato 6 ottobre giornata dedicate alla famiglia. Alle 17.30, in cattedrale, Rosario per le famiglie a cura dell’Ufficio diocesano di pastorale familiare e alle 18 Messa prefestiva, in diretta su Tv9.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo