Diocesi: Caritas Andria, lunedì 15 ottobre la Giornata per la custodia del Creato. S rifletterà su salute e territorio

La Caritas diocesana di Andria, in collaborazione con gli Uffici diocesani di pastorale sociale e del lavoro, pastorale della salute, Ufficio per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso e Pax Christi, in occasione della 13ª Giornata per la custodia del Creato, propone alla comunità ecclesiale e civile della diocesi di Andria una riflessione sul tema della salute connesso alla salvaguardia del territorio. “Un incontro – spiegano i promotori – che vuole provare a interrogare gli esperti del settore e a conoscere dati sulla salute e la relazione con un ambiente che noi stessi lasciamo degradare; un incontro che, a partire dall’esperienza tragica del terremoto avvenuta nel Centro Italia, suscita interrogativi, ma anche prassi pastorali per una rigenerazione del territorio e delle comunità”.
Ad intervenire saranno due testimoni: “Vincenzo Coviello, esperto epidemiologico della Asl Bt, che, avendo curato i vari rapporti sulla diffusione dei tumori nella nostra provincia, illustrerà come questo male del nostro tempo è diffuso e indicherà le possibili varie cause di natura ambientale e quanto sia importante anche un sistema di sorveglianza sulla salute come strumento di governo e tutela del creato. E mons. Domenico Pompili, vescovo di Rieti, la diocesi colpita dal terremoto dell’agosto 2016 nei territori di Amatrice e paesi limitrofi, che ci aiuterà a comprendere come una comunità affronta una dura ferita e da questa ripartire per trovare un nuovo slancio”.
La conferenza pubblica, dal titolo “Salute e territorio: prendersi cura del proprio ambiente”, si terrà lunedì 15 ottobre alle ore 19,30 presso il teatro dell’Oratorio Salesiano, in via Cavour 71, ad Andria. L’incontro sarà presenziato dal vescovo, mons. Luigi Mansi, e dal direttore generale della Asl Bt, Alessandro Delle Donne.
“L’attenzione verso il creato ci interroga su quali forme di cura siamo chiamati a vivere, provocati anche dalla preoccupazione di una sempre più crescente diffusione di malattie tumorali – dichiara don Mimmo Francavilla, direttore della Caritas diocesana di Andria -. La comunità in questa celebrazione della Giornata per la custodia del Creato vuole prendere atto di un fenomeno percepito da tanti, confrontandosi con i dati reali, ma vuole anche allo stesso tempo lasciarsi sollecitare da chi, messo alla prova da una catastrofe naturale come il terremoto, ha continuato ad abitare un luogo segnato dalla distruzione. La presenza a questo evento può dunque diventare anche un segno di solidarietà verso queste popolazioni che esprimiamo al proprio pastore, solidarietà già espressa da tempo dalle Caritas pugliesi attraverso l’invio di volontari nei vari territori colpiti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo