Papa Francesco: udienza, “l’essere umano ha bisogno di essere amato senza condizioni”. No a “surrogati”, non “sopravvalutare l’attrazione fisica”

foto SIR/Marco Calvarese

“L’essere umano ha bisogno di essere amato senza condizioni, e chi non riceve questa accoglienza porta in sé una certa incompletezza, spesso senza saperlo”. È l’analisi del Papa, che partendo dalla Sesta Parola della Bibbia, “Non commettere adulterio”, ha messo in guardia dal rischio di “riempire questo vuoto con dei surrogati, accettando compromessi e mediocrità che dell’amore hanno solo un vago sapore”. “Il rischio è quello di chiamare ‘amore’ delle relazioni acerbe e immature, con l’illusione di trovare luce di vita in qualcosa che, nel migliore dei casi, ne è solo un riflesso”, ha specificato Francesco: “Così avviene di sopravvalutare l’attrazione fisica, che in sé è un dono di Dio ma è finalizzata a preparare la strada a un rapporto autentico e fedele con la persona”. Poi la citazione di San Giovanni Paolo II, che nelle sue celeberrime catechesi sul corpo spiegava che l’essere umano “è chiamato alla piena e matura spontaneità dei rapporti”, che “è il graduale frutto del discernimento degli impulsi del proprio cuore”. “È qualcosa che si conquista – ha detto il Papa sulla scorta del suo predecessore – dal momento che ogni essere umano deve con perseveranza e coerenza imparare che cosa è il significato del corpo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia