Diocesi: Firenze, nasce la parrocchia personale ucraina di “San Michele Arcangelo”. Domenica la celebrazione presieduta dal card. Betori

A Firenze nasce la parrocchia personale ucraina sotto il titolo di “San Michele Arcangelo”, patrono della comunità, con sede nella rettoria dei “Santi Simone e Giuda”, via dei Lavatoi 3. L’arcivescovo, card. Giuseppe Betori, ha costituito con decreto la parrocchia, prima nella storia della Chiesa fiorentina, che sarà punto di riferimento per i fedeli ucraini cattolici di rito bizantino residenti nel territorio dell’arcidiocesi.
Domenica 28 ottobre alle 12.30, nel giorno della festa dei Santi Simone e Giuda Taddeo, patroni della chiesa, verrà celebrata solennemente la divina liturgia di San Giovanni Crisostomo in rito bizantino e in lingua italiana. La celebrazione sarà presieduta dal card. Betori e concelebrata dai sacerdoti di Firenze. Sarà così istituita la parrocchia e farà il suo ingresso il parroco don Volodymyr Voloshyn.
Gli ucraini greco-cattolici a Firenze e provincia sono circa un migliaio. Ogni giorno alle 14.30 nella chiesa dei Santi Simone e Giuda si celebra la liturgia, la domenica ci sono invece due liturgie una alle 10 e una alle 12.15. Sempre la domenica dalle 10 alle 12 nell’oratorio adiacente alla chiesa per venti ragazzi si svolge il catechismo ed è attiva la scuola di lingua ucraina. Nel pomeriggio invece si svolge l’incontro di catechesi biblica o liturgica per adulti.
La comunità greco-cattolica ucraina di Firenze è stata fondata il 24 novembre 2002. La prima liturgia, con la celebrazione di un matrimonio, è stata officiata nella chiesa di San Marco. Da dicembre 2002 a dicembre 2003 la comunità ucraina si è riunita per la liturgia domenicale nella chiesa di Santa Maria Maggiore. Dal 28 dicembre 2003 ad oggi, la comunità ucraina svolge la sua vita pastorale nella chiesa dei Santi Simone e Giuda, situata nel territorio della parrocchia di San Remigio. Per favorire la migliore incardinazione della comunità ucraina nel contesto dell’arcidiocesi e per favorire la coesione sociale, con il decreto dell’arcivescovo di Firenze dal 1° gennaio del 2014 la chiesa dei Santi Simone e Giuda è diventata rettoria ed è stata affidata alla comunità ucraina. Nel settembre del 2017 l’arcivescovo di Firenze, card. Giuseppe Betori, ha costituito con un decreto la parrocchia personale sotto il titolo di San Michele Arcangelo.
Fra tutte le 145 comunità greco-cattoliche ucraine da 25 anni presenti sul territorio italiano sette sono le vere e proprie parrocchie: Roma (1970), Caserta (2013), Pavia (2014), Avellino (2014), Bologna (2015), Livorno (2016), Firenze (2017).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia