Astrofisica: Sefir, venerdì 26 alla Lateranense dibattito sul gesuita Angelo Secchi

“Scienza e Fede sull’interpretazione del reale” (Sefir), l’area di ricerca interdisciplinare costituita presso l’Issr Ecclesia Mater, organizza, venerdì 26 ottobre, alla Pontificia Università Lateranense, un dibattito pubblico su “Angelo Secchi e il suo tempo”, nel secondo centenario della nascita dello scienziato italiano. “Il gesuita Angelo Secchi di cui cade il bicentenario della nascita (Reggio Emilia, 28 giugno 1818 – Roma, 26 febbraio 1878) è uno dei più importanti astrofisici della storia ed è considerato il fondatore della meteorologia italiana – si legge in una nota -. Fu per 30 anni direttore dell’osservatorio del Collegio Romano, costruito su suo impulso sopra la falsa cupola della chiesa di Sant’Ignazio. Il suo nome è anche associato alla definizione del Meridiano di Roma (o Meridiano di Monte Mario), detto anche Primo meridiano d’Italia, che fu adottato per la cartografia del Regno d’Italia: è situato a 12° 27′ 08,400″ ad est di Greenwich”.
Introdotto da Giandomenico Boffi, direttore di Sefir, terrà la relazione su padre Angelo Secchi Giuseppe Tanzella-Nitti, professore ordinario di Teologia fondamentale presso la Pontificia Università della Santa Croce a Roma e adjunct scholar presso il Vatican Observatory.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia