Migranti Honduras: già a migliaia in Messico. “A Tapachula il centro è completamente invaso”

Sono già migliaia (almeno 5-6mila) i migranti, perlopiù honduregni, entrati in territorio messicano, nonostante l’iniziale sbarramento delle forze dell’ordine. Fin dalla serata di venerdì è stata data la precedenza a donne e bambini. In gran parte i migranti arrivano in Messico dall’ultimo avamposto in terra guatemalteca, Tecún Umán, dove si ammassano in migliaia per attraversare il ponte sul rio Suchiate e giungere così a Ciudad Hidalgo, primo centro in territorio messicano. Tapachula dista pochi chilometri ed è lì che si concentra la prima accoglienza. “Qui è un caos – ha detto al Sir nella tarda serata di ieri (ora italiana) padre padre César Augusto Cañaveral Pérez, coordinatore della mobilità umana della diocesi -. Il centro è completamente invaso”.
Situazione più tranquilla, invece, a San Cristóbal de Las Casas. Qui la diocesi era stata allertata durante il fine settimana, in vista del possibile arrivo della carovana. “Invece finora non passano per il nostro territorio – dice al Sir Norma Medina, della Caritas diocesana -. Si sono concentrati a Tapachula e da lì proseguiranno. Noi saremmo stati maggiormente coinvolti se i migranti non si fossero concentrati alla frontiera di Ciudad Hidalgo, cosa che invece alla fine è avvenuta”.
Prosegue la referente Caritas: “Stiamo raccogliendo generi di prima necessità nei centri di raccolta che abbiamo allestito. Già martedì o mercoledì li porteremo nei luoghi dove c’è più bisogno”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa