Diocesi: Taranto, premiati i vincitori del concorso per le scuole sulla custodia del Creato

“Custodia del Creato, una responsabilità di tutti tra grandi scelte e gesti quotidiani” è stato il tema della terza edizione del concorso per le scuole del tarantino, promosso dall’Ufficio educazione, scuola, istruzione e Università della diocesi di Taranto, dall’Ufficio per la pastorale sociale, il lavoro e la custodia del Creato e dalla Commissione diocesana per la custodia del Creato, istituita a Taranto nel 2013 da mons. Filippo Santoro, arcivescovo della diocesi ionica. Sabato mattina, in episcopio, c’è stata la premiazione. “È un concorso – ha affermato mons. Santoro – che mira a far crescere la sensibilità nei confronti dell’ambiente, della cura della casa comune. È importante formare le nuove generazioni, educarle alla bellezza, gettando così le basi di quella conversione ecologica integrale di cui parla Papa Francesco nella Laudato Si'”. Impegno, fantasia, creatività: questi gli ingredienti degli elaborati vincitori. Sono stati premiati per la scuola dell’infanzia l’istituto comprensivo della Madonna della Camera, di Faggiano, plesso Granata, provincia di Taranto, per la scuola primaria l’istituto comprensivo Vico-De Carolis, plesso Deledda, al quartiere Tamburi, che più di altri sente il peso della questione ambientale trovandosi a pochi metri dalla zona industriale, infine per gli istituti superiori il Salvemini di Talsano e il Pacinotti. Il premio in denaro è stato offerto dalla diocesi e da un benefattore anonimo. Nel corso della premiazione è stata svelata la traccia della quarta edizione del concorso annuale, incentrata su un duplice binario: la bellezza della città e l’impegno di associazioni e movimenti per il bene comune.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa