Ue: Bruxelles, conferenza “Un bilancio per il futuro”. Katainen, conti ristretti per il Brexit. Oettinger, “mettere il Qfp al riparo dai populisti”

Bruxelles: l'intervento del vicepresidente della Commissione Jyrki Katainen

(Bruxelles) Jyrki Katainen, vicepresidente della Commissione, intervenendo alla conferenza sul futuro bilancio Ue, ha fra l’altro osservato che il prossimo Qfp sarà per forza di cose ridimensionato rispetto a quello in vigore: “tutti sanno perché si devono operare dei tagli, a causa del Brexit. La matematica non è un’opinione”. Katainen ha poi sottolineato che bisogna tener conto di una nuova sfida: il problema dello stato di diritto in alcuni dei nostri Paesi membri. Sarà una delle più grandi questioni quando parleremo del prossimo bilancio pluriennale”. Da più parti si insiste affinché i Paesi che godono di finanziamenti Ue debbano assicurare il rispetto dei trattati dell’Unione e dunque democrazia e stato di diritto. Atteso l’intervento del commissario al bilancio, Gunter Oettinger. A suo avviso è “importante raggiungere un accordo sul budget pluriennale prima delle elezioni europee, per mettere al riparo l’Unione dall’esito incerto delle elezioni”. Populisti e nazionalisti minacciano a suo avviso l’integrazione comunitaria e quindi bisogna “combattere per la causa europea”. È poi seguita una osservazione sulla necessità di rispettare le regole Ue sulla sostenibilità dei conti pubblici nazionali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa