Sinodo 2018: mons. Barron (Los Angeles), “sono sicuro che il card. Wuerl ha fatto quello che pensava fosse giusto per il bene della Chiesa, e penso che il Papa abbia rispettato tutto questo”

“Sono sicuro che il card. Wuerl ha fatto quello che pensava fosse giusto per il bene della Chiesa, e penso che il Papa abbia rispettato tutto questo”. Lo ha dichiarato mons. Robert Emmet Barron, vescovo ausiliare di Los Angeles, a proposito della rinuncia al governo pastorale dell’arcidiocesi di Washington presentata dal cardinale statunitense e accettata oggi da Papa Francesco. Barron ha detto ai giornalisti di non voler commentare ulteriormente la notizia delle dimissioni di Wuerl, appresa proprio mentre si stava recando in sala stampa vaticana per il briefing odierno sul Sinodo dei vescovi sui giovani. “Ho sentito la notizia mentre stavo venendo qui”, ha rivelato ai giornalisti. Sempre rispondendo alle domande dei giornalisti, Barron ha definito la lettera del 6 ottobre scorso “molto incoraggiante da parte del Papa, che ha chiesto trasparenza, onestà e ha espresso la volontà che si aprano le indagini” sul caso McCarrick. Interpellato sui contenuti del recente incontro del Santo Padre con i vescovi americani, Barron – che non era presente all’incontro – ha risposto: “Non ho sentito da loro cosa si sono detti in dettaglio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa