Salute: a Medicina solidale il “Premio Gilead 2018 Community Award” per i sette ambulatori di strada a Roma

All’associazione Medicina Solidale (Imes) è stato assegnato l’VIII edizione del Premio Gilead 2018 Community Award per i sette ambulatori di strada gestiti dall’Imes nella capitale (anche sotto il Colonnato di San Pietro) dove ogni giorno si lavora per tutelare la salute dei più fragili e in particolare quella delle donne soprattutto con la prevenzione delle malattie diffusive nelle periferie nascoste di Roma. Gilead è il colosso statunitense che si occupa di biofarmaceutica. Le motivazioni del premio sottolineano come “sia positiva l’esperienza pregressa di Imes attraverso le attività dei sette ambulatori di strada e l’unità sanitaria mobile. Attività concreta su prevenzione e cura di Hiv di un target specifico, donne in età produttiva, appartenenti a gruppi vulnerabili normalmente non raggiungibili dal SSN. Ottime le aree delle periferie romane identificate dal progetto con alto tasso di disagio socio-economico”. Gilead quest’anno ha premiato, oltre a quello dell’Imes, 65 idee di ricercatori e associazioni con 1,7 milioni. Giunta alla sua ottava edizione, l’iniziativa mira a selezionare e premiare i migliori progetti in ambito scientifico, sociale, assistenziale e digitale. In particolare quelli in grado di migliorare la qualità di vita e assistenza terapeutica dei pazienti affetti da Hiv, patologie del fegato e malattie oncoematologiche. “Dopo il premio ricevuto l’anno scorso dalla Comunità europea – spiega Lucia Ercoli, direttore sanitario Imes – quello di Gilead ci dice che siamo sulla strada giusta per essere sempre più accanto agli invisibili della nostra città in particolare alle donne e ai bambini”. “Per questo – conclude – ringrazio Gilead – per questo importante riconoscimento che ci dona anche un po’ di ossigeno per sostenere le nostre strutture che vivono di puro volontariato senza nessun finanziamento pubblico”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa