Papa Francesco: lettera al card. Wuerl, “tua rinuncia è segno di disponibilità”

“La tua rinuncia è segno di disponibilità e docilità allo Spirito che continua ad agire nella sua Chiesa”. Lo scrive Papa Francesco nella lettera inviata al card. Donald Wuerl, la cui rinuncia al governo pastorale di Washington (Usa) per raggiunti limiti d’età è stata accettata dal Pontefice. Nell’indagine sugli abusi sessuali su minori condotta nello Stato Usa della Pennsylvania, il porporato era stato accusato di aver coperto numerosi preti pedofili quand’era vescovo di Pittsburgh. Nella lettera, pubblicata sul sito dell’arcidiocesi, il Papa riconosce nella richiesta di rinunciare all’incarico “il cuore del pastore che, allargando lo sguardo per riconoscere un bene maggiore che può giovare alla totalità del corpo, privilegia azioni che sostengano, stimolino e facciano crescere l’unità e la missione della Chiesa al di sopra di ogni tipo di sterile divisione seminata dal padre della menzogna”. Francesco scrive, inoltre, al cardinale che “possiedi elementi sufficienti per ‘giustificare’ il tuo agire e distinguere tra ciò che significa coprire delitti o non occuparsi dei problemi, e commettere qualche errore. Tuttavia, la tua nobiltà ti ha condotto a non usare questa via di difesa. Di questo sono orgoglioso e ti ringrazio”. “Così – aggiunge il pontefice – fai risaltare l’intento di mettere al primo posto il Progetto di Dio rispetto a qualunque tipo di progetto personale”. Nell’accettare la rinuncia, il Papa chiede al card. Wuerl “di rimanere come Amministratore apostolico dell’arcidiocesi fino alla nomina” del suo successore.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa