Open day strutture riabilitative: domani anche il Presidio romano di via Dioniso con laboratori di pittura, teatro, musicoterapia

Domani anche il Presidio di riabilitazione di via Dionisio a Roma, gestito dalla Nuova Sair, parteciperà all’Open day delle strutture riabilitative sanitarie cattoliche e di ispirazione cristiana, promosso dal progetto Accolti.it dell’Ufficio nazionale di pastorale della salute della Cei per far conoscere il mondo della disabilità e della riabilitazione e il lavoro che viene svolto in queste strutture. Per l’occasione, il centro aprirà le porte ai genitori delle persone con disabilità che frequentano il servizio semiresidenziale e che potranno condividere con i loro figli momenti di vita quotidiana, partecipando ai laboratori nel loro reparto di riferimento. L’evento inizierà alle 10.30 con l’accoglienza delle famiglie di circa 90 ragazzi. Alle 11 avranno inizio le attività dei reparti. Il Presidio si colloca in una realtà complessa di Roma Est, a Torre Angela, e si distingue come un’eccellenza nell’accoglienza e nel sostegno delle persone con disabilità. La struttura accoglie persone con disabilità fisica e psichica, anche grave, in regime di convenzione con il Ssn, ed è inserita nel progetto Accolti.it, un portale che raccoglie le strutture di riabilitazione cattoliche e di ispirazione cristiana. La struttura ha in cura circa 400 utenti, distribuiti fra i vari servizi (circa 128 semiresidenziali, 162 ambulatoriali, 101 domiciliari). Fra i laboratori – a cui prenderanno parte anche i genitori durante l’Open Day – vi sono: pittura, teatro, musicoterapia e stimolazione sensoriale. “I ragazzi di cui, quotidianamente, ci prendiamo cura e carico, insieme alle famiglie, sono quelli che la cultura contemporanea nega, perché sofferenti nel corpo – dichiara Angela Basile, direttore relazione enti ecclesiastici e religiosi Nuova Sair -. Tuttavia, la letizia e la dignità, personale, che svelano i loro occhi, ci interroga. Ci educano ad uno sguardo umano”. “Vi invitiamo a visitarci il 13 ottobre – conclude -, vi sono angeli che attendono con gioia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa