Notizie Sir del giorno: Papa in Cile e Perù, vertice Nord-Sud Corea, Galantino su immigrazione, media vaticani, disoccupazione in Ue

Papa Francesco: videomessaggio per Cile e Perù, “vengo come pellegrino della gioia del Vangelo”

“Vengo come pellegrino della gioia del Vangelo per condividere con tutti la pace del Signore e confermarvi nella stessa speranza”. Ad annunciarlo è il Papa, nel videomessaggio – diffuso oggi in spagnolo – per l’imminente viaggio apostolico in Cile e Perù, dal 15 al 22 gennaio. “Vista la vicinanza del mio viaggio in queste terre, vi saluto affettuosamente”, esordisce Francesco. “Desidero incontrarvi, guardarvi negli occhi, vedere i vostri volti e potere, tutti insieme, sperimentare la vicinanza di Dio, la sua tenerezza e misericordia che ci abbraccia e consola”. “Conosco la storia dei vostri Paesi, tessuta con impegno, dedizione”, assicura Francesco: “Desidero insieme a voi rendere grazie a Dio per la fede e l’amore per Dio e per i fratelli più bisognosi, specialmente per l’amore che voi avete verso coloro che sono scartati dalla società”. (clicca qui)

Immigrazione: mons. Galantino, “rischia di essere declassata a merce elettorale”

“L’immigrazione rischia di essere ridotta, al massimo, a merce elettorale”. A lanciare il grido d’allarme è stato mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, durante la conferenza stampa per la presentazione delle iniziative promosse dalla Chiesa italiana in occasione della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2018, che si celebrerà domenica 14 gennaio. “Il clima non è dei migliori, purtroppo l’immigrazione rischia di essere declassata a merce elettorale”, ha esordito il vescovo: “Manca la possibilità di un confronto sereno, di un dialogo sulle ragioni di chi vuole o non vuole fare qualcosa”. (clicca qui)

Vertice tra le due Coree: mons. Lazzaro You (Daejeon), “bisogna continuare, non stancarsi mai di cercare una via per la riconciliazione del nostro popolo”

“Bisogna continuare e non stancarsi mai di cercare una via per la convivenza e la riconciliazione del nostro popolo”. È l’esortazione del vescovo di Daejeon, mons. Lazzaro You Heung-sik, commentando al Sir le notizie che gli sono arrivate sul vertice che si è svolto in un villaggio di confine di Panmunjom tra le delegazioni delle due Coree per la partecipazione alle prossime Olimpiadi, uno dei primissimi incontri di dialogo ad “alto livello” tra rappresentanti del Nord e del Sud. “Sono contentissimo”, esordisce subito il vescovo. “L’incontro è andato molto bene”, aggiunge mons. You, sottolineando in particolare l’importanza della “richiesta da parte della Corea del Sud di avviare una discussione sulla situazione delle famiglie separate, in vista della festa del Capodanno lunare che si celebra il 14 febbraio e di attivare una linea diretta tra militari per evitare scontri accidentali alla frontiera”. (clicca qui)

Riforma media vaticani: mons. Viganò (SpC), “è partita, con risultati davvero molto positivi”

“La riforma del sistema comunicativo della Santa Sede è partita. E molti mi hanno scritto e hanno scritto alle redazioni per i risultati davvero molto positivi. Questo grazie ad un lavoro molto professionale e tenace di giornalisti e tecnici”. È quanto afferma mons. Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per la comunicazione (SpC) della Santa Sede, in un video nel quale annuncia che “oggi abbiamo superato i 4 milioni di followers sui social network”. “Questo – commenta il prefetto – è importante perché dice di una presenza non solo sui canali tradizionali ma esattamente là dove oggi le persone – uomini, donne, ragazzi e ragazze – passano molto tempo”. Si tratta di “una presenza missionaria e di annuncio”, spiega mons. Viganò. (clicca qui)

Lavoro: Eurostat, scende la disoccupazione nell’Ue. Situazione pre-crisi. Bene Germania e Francia, migliorano Italia, Grecia e Spagna

(Bruxelles) Prosegue la contrazione della disoccupazione in Europa e l’ultimo dato diffuso oggi da Eurostat per l’Eurozona segnala l’8,7% (fine novembre 2017). Il dato del mese di ottobre era 8,8%, mentre nel novembre 2016 il dato era al 9,8%. È la percentuale di disoccupazione più bassa registrata dal 2009, quasi all’esordio della crisi economica. Ancora meglio la situazione nell’Ue28, dove la disoccupazione media è al 7,4%. Eurostat stima che le persone in cerca di impiego nell’Unione europea siano oggi 18 milioni, 14 milioni delle quali nella zona euro. Notevoli, però, le differenze tra un Paese e l’altro. L’Italia si assesta all’11%, recuperando posti di lavoro anche tra i giovani; la Francia è al 9,2%, la Polonia al 4,5, il Regno Unito al 4,2%. La disoccupazione giovanile (under25) media in Europa è al 16,2%, con i dati maggiori in Grecia (39,5%), Spagna (37,9%) e Italia (32,7%). (clicca qui)

Irlanda: diocesi di Dublino, “l’influenza dispensa dalla messa”. E per lo scambio della pace basta “un sorriso o un inchino”

“È bene ricordare che coloro che accusano i sintomi dell’influenza sono dispensati dall’obbligo domenicale di partecipare alla messa”. Il promemoria arriva dal Centro di risorse liturgiche della diocesi di Dublino che oggi ha emesso un comunicato in relazione all’“aumento del numero di persone colpite dall’influenza”, indicando “alcune ragionevoli pratiche” in queste circostanze. Per esempio, chi è malato può “onorare il giorno del Signore” pregando con la messa radiotrasmessa da alcune stazioni o attraverso le webcam delle parrocchie o sulla televisione nazionale Rte1. Quanto allo scambio della pace, durante le liturgie, si ricorda che “stringere la mano non comporta rischi per la diffusione del virus”. Tuttavia, se “qualche parrocchiano si sente a disagio” a stringere la mano di un’altra persona, può anche solo fare “un sorriso o un inchino” per augurare agli altri la pace di Cristo. (clicca qui)

Diocesi: mons. Nosiglia (Torino) ai lavoratori della Embraco, “chi pensa di risolvere il problema di un’azienda licenziando è come se volesse vendere la sua gente”

“Chi pensa di risolvere il problema di un’azienda licenziando gente è come se volesse vendere la sua gente e domani venderà la sua dignità”. Lo ha affermato l’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, incontrando in mattinata gli operai della Embraco di Riva presso Chieri, esposti al rischio licenziamento, per “esprimere tutta la nostra solidarietà e vicinanza a voi e alle vostre famiglie”. Per Nosiglia, “deve essere chiaro a tutti, dalle forze politiche e istituzionali alle componenti industriali, alla stessa Chiesa e a tutte le componenti sociali, che senza il lavoro per tutti non ci sarà mai dignità per tutti, democrazia per tutti, giustizia, diritti per tutti, solidarietà per tutti”. Rivolgendosi ai responsabili dell’azienda e alle Istituzioni, l’arcivescovo ha chiesto che “si cerchino le vie più adeguate per mantenere a tutti i lavoratori il posto di lavoro”. E ha garantito che “seguirò da vicino questa vicenda attraverso anche i miei parroci, che so sensibili e attenti alle vostre necessità”. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo