This content is available in English

Colombia: appello vescovi e Onu a scadenza cessate-il-fuoco tra Governo ed Eln, non vanificare i progressi di questi mesi

Alla vigilia della conclusione del cessate-il-fuoco bilaterale temporaneo tra il Governo colombiano e la guerriglia dell’Esercito di liberazione nazionale (Eln) e della ripresa di un nuovo ciclo di colloqui tra le parti a Quito (con una delegazione governativa rinnovata), la Conferenza episcopale colombiana (Cec) e la Missione di verifica Onu hanno emesso un comunicato congiunto, nel quale auspicano che non siano vanificati i progressi di questi mesi, che hanno portato un calo della violenza e sollievo alla popolazione civile. “Come partecipanti invitati al processo di verifica e monitoraggio del cessate-il-fuoco bilaterale, temporaneo e nazionale tra il governo della Colombia e l’Esercito di liberazione nazionale (Eln) – si legge nella nota -, la Conferenza episcopale e la missione di verifica delle Nazioni Unite in Colombia rivolgono un appello alle parti affinché siano preservati i risultati ottenuti in termine di riduzione della violenza durante i mesi del cessate-il-fuoco”. Missione Onu e Chiesa colombiana si dicono “consapevoli delle difficoltà del cessate-il-fuoco temporaneo e della mancanza di consenso in relazione all’attuazione di alcuni aspetti dell’accordo di Quito. Condividono la necessità di un accordo di cessate-il-fuoco più solido, in grado di generare maggiore fiducia tra le parti e nella società colombiana”. Sottolineano, al tempo stesso, “il sollievo umanitario che il temporaneo cessate-il-fuoco ha rappresentato per le comunità e la diminuzione della violenza nella maggior parte delle aree colpite dal conflitto. Questi sono benefici tangibili, che si traducono in una maggiore legittimità per il processo di pace”. Perciò, “alla vigilia della scadenza per il cessate-il-fuoco temporaneo, la Conferenza episcopale e la missione delle Nazioni Unite chiedono al governo della Colombia e all’Esercito di liberazione nazionale di perseverare nei dialoghi, avanzare ancora di più verso la riduzione della violenza e consolidare ed espandere i benefici ottenuti per le comunità dall’istituzione del cessate-il-fuoco”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo