Ue: Serbia, domani visita del presidente del Parlamento europeo Tajani. “Futuro del Paese è nell’Unione”

(Bruxelles) Domani, 31 gennaio, il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani sarà in visita ufficiale a Belgrado, Serbia, Paese candidato all’adesione. “Sono convinto che il futuro della Serbia e dei suoi cittadini sia all’interno dell’Unione europea”, ha dichiarato alla vigilia della visita Tajani, citando “l’opportunità storica per Belgrado di diventare membro dell’Ue da qui al 2025”. A suo avviso, ciò significa “non solo incrementare investimenti e benessere per il popolo serbo, ma anche rafforzare l’influenza politica e la cooperazione all’interno dell’Unione per la sicurezza, la gestione dei flussi migratori e la stabilità di tutta l’area dei Balcani”, usufruendo dalla presidenza bulgara che ha posto i Balcani occidentali tra le sue priorità. Inoltre, il presidente del Parlamento europeo ha elogiato gli sforzi della leadership per entrare nell’Ue, non dimenticando le “riforme necessarie e i nodi da sciogliere”. Nel programma di Tajani sono previsti incontri istituzionali con il presidente della Repubblica Alexander Vucic, il primo ministro Ana Brnabic, il presidente del Parlamento Maja Gojkovic. Inoltre il presidente del Parlamento europeo parlerà all’Assemblea costituente europea e inaugurerà l’evento “Investimenti, crescita e creazione di lavoro”, mirato ad attrarre imprese europee in Serbia. Belgrado ha iniziato i negoziati nel gennaio 2014, e insieme al Montenegro, è tra gli Stati balcanici più vicini all’ingresso nell’Ue. Il 6 febbraio la Commissione europea presenterà un piano d’azione per l’adesione della Serbia e del Montenegro.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo