Solidarietà: Torino, Abit e Gruppo Abele aiuteranno per tre anni 80 mamme in difficoltà

Ottanta mamme in difficoltà saranno sostenute per tre anni da Abit e dal Gruppo Abele, a Torino, su cui operano sia l’azienda casearia sia la onlus fondata da don Luigi Ciotti. Il progetto “Abbraccia una mamma”, presentato questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, prevede il miglioramento della qualità della vita di 80 nuclei mamma-bambino in situazioni di svantaggio e vulnerabilità. Il percorso consiste in una serie di azioni: dalla fornitura, due volte a settimana, di “pacchi spesa” contenenti prodotti lattiero caseari all’organizzazione di corsi di formazione professionalizzanti, con la presenza di tutor, rivolti alle mamme e utili per un loro inserimento nel mondo del lavoro. In programma, anche lezioni di educazione alimentare per le mamme coinvolte nel progetto perché trasferiscano nozioni fondamentali per la corretta alimentazione e la salute ai figli. Saranno realizzate inoltre visite in fattoria per “far scoprire ai bambini l’origine e il percorso del latte” e sarà allestito uno spazio giochi con sala merenda e bagni per i bambini che frequentano il Gruppo Abele. Per don Ciotti è “un segno di speranza costruito insieme per dare un’opportunità concreta a chi viene messo ai margini, a chi vede negati i propri diritti e la giustizia sociale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo