Riviste: “La forma dell’acqua” protagonista sul numero di gennaio-febbraio del “Cinematografo”

La cover story del numero di gennaio-febbraio della “Rivista del Cinematografo” è dedicata a “La forma dell’acqua”, in sala dal 14 febbraio. Il film diretto da Guillermo del Toro ha vinto il Leone d’Oro alla 74ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e il premio alla regia alla 75ª edizione dei Golden Globe, ottenendo il più alto numero di nomination (13) per i prossimi premi Oscar. Silvio Danese analizza le origini dell’amore e della diversità. Un ampio servizio è riservato poi a “The Post” di Steven Spielberg, con protagonisti Meryl Streep e Tom Hanks. Il regista di Cincinnati porta sul grande schermo lo scandalo dei Pentagon Papers. L’articolo pone l’accento sul patriottismo di Spielberg e sul cinema di impegno civile come via diretta per scuotere le platee. Ne scrivono Gianni Riotta, Federico Pontiggia e Gian Luca Pisacane. Tra le interviste proposte, quella a Margot Robbie, a cura di Simone Porrovecchio. L’attrice, candidata all’Oscar, racconta la sua esperienza sul set di “I, Tonya”. La seconda è a Jake Gyllenhaal. L’attore, che ha recitato in più di trenta film, ripercorre la sua carriera, da Donnie Darko fino a Stronger, e confessa il suo amore per Fellini. Ne scrive Gian Luca Pisacane. Questo numero della rivista propone ai lettori una nuova rubrica: “Powerful woman”, che racconterà dell’ascesa di Meghan Markle, dalla serie tv “Suits” al matrimonio col principe Harry. Per i film del mese sono presenti, tra le altre, le recensioni de “Il filo nascosto”, “L’ora più buia”, “Chiamami col tuo nome”, “Edhel”, “Final portrait”, “The Disaster Artist” e “Downsizing”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo