This content is available in English

Vescovi europei: una delegazione Ccee ieri in visita ai villaggi portoghesi colpiti dagli incendi per “testimoniare vicinanza agli abitanti della zona”

Una delegazione dei vescovi europei in visita ieri ai due villaggi portoghesi, Pedrogão Grande e Castanheira de Pêra, tra i più colpiti dagli incendi lo scorso anno per “testimoniare la vicinanza e la comunione della Chiesa europea con gli abitanti di questa zona, alcuni dei quali hanno perso famigliari e proprietà”. A darne notizia è il Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa aggiornando dell’incontro che si è svolto ieri nel Colégio do Ramalhão di Sintra (Portogallo) della Commissione Ccee di pastorale sociale, rinnovata nell’assemblea plenaria Ccee del 2017. Nei luoghi colpiti dal disastro, la Commissione, guidata dal presidente, l’arcivescovo di Trieste, mons. Giampaolo Crepaldi, ha potuto constatare “il grande lavoro della Caritas diocesana di Coimbra in prima linea sia nel rispondere alle situazioni di emergenza, che nel sostegno dei più bisognosi e nell’aiuto alla ricostruzione”. Nel giugno e nell’ottobre 2017, il Portogallo è stato particolarmente colpito da una serie d’incendi. L’incendio di Pedrogão Grande (del 17-22 giugno), estesosi poi ai territori vicini di Castanheira de Pera, Figueiró dos Vinhos e Pampilhosa da Serra, ha provocato la morte di 66 persone e lasciato 254 feriti. Gli incendi sviluppatisi il 15 ottobre hanno devastato gran parte del centro del Portogallo, lasciando dietro di sé 45 morti e 70 feriti. Molte persone hanno perso le loro case, le loro attività, i campi, i raccolti, il bestiame o le imprese.
Nel corso dell’incontro, si legge ancora nella nota del Ccee, la Commissione ha valutato il lavoro svolto negli anni precedenti e le proposte di iniziative per le tre sezioni di propria competenza (questioni sociali, migrazioni e salvaguarda del creato) da presentare ai presidenti delle Chiese europee.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia