Cei: Consiglio permanente, via libera all’Incontro di riflessione e di spiritualità per la pace nel Mediterraneo

“Far incontrare culture e popoli, stimolando anche l’Europa a sentire maggiormente la realtà del Mare Nostrum”. È questo l’obiettivo dell’Incontro di riflessione e di spiritualità per la pace nel Mediterraneo, proposto dal presidente della Cei, il card. Gualtiero Bassetti, e che “ha suscitato un consenso unanime e convinto” del Consiglio permanente. Lo si apprende dal comunicato diffuso oggi al termine dei lavori. L’iniziativa “intende collocarsi idealmente nel solco della visione profetica di Giorgio La Pira” e sarà attuata “coinvolgendo i vescovi cattolici di rito latino e orientale dei Paesi che si affacciano sulle sponde del Mediterraneo”, “a partire dalla valorizzazione di alcuni luoghi a forte valenza simbolica”. “Uno sguardo di particolare attenzione – prosegue il comunicato – il Consiglio ha chiesto che sia posto per la Terrasanta, per Israele e Palestina”. “La proposta – affermano i vescovi – nasce dalla constatazione di come da diversi anni l’area mediterranea sia al centro di profonde crisi, che coniugano instabilità politica, precarietà economica e tensioni religiose: dal Medio Oriente alle coste africane, dai Balcani alla Spagna”. La Conferenza episcopale italiana “intende muoversi per favorire la conoscenza diretta, condizione che consente una lettura profonda delle situazioni, la difesa delle comunità cristiane perseguitate, la promozione del bene della pace e la tutela della dignità umana”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia