Legge: Milano, presentato in Tribunale il “Codice dei diritti degli indifesi”. Danovi (Avvocati), “fornire assistenza e aiuto alle vittime”

(Milano) “Difendere gli indifesi. È questo il senso dell’iniziativa assunta” per “dare assistenza e orientamento alle vittime, e quindi aiuto”. Con queste parole Remo Danovi, presidente dell’Ordine degli avvocati di Milano, presenta il “Codice dei diritti degli indifesi”, curato dall’Ordine e pubblicato da Giuffrè Editore. Il volume, di oltre 700 pagine, raccoglie la legislazione sui soggetti “fragili”: le persone con disabilità, “alle quali non bastano i soli strumenti giuridici”; “i minori, verso i quali – puntualizza l’editore – troppi adulti e talvolta altri minorenni riversano conflitti irrisolti, antichi traumi e insane pulsioni”; le vittime di violenza di genere, dall’ambito familiare agli atti persecutori (stalking). Preceduto dai princìpi costituzionali e sovranazionali, come la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e le principali convenzioni internazionali a protezione dei soggetti deboli, il volume vorrebbe essere uno strumento di lavoro e di consultazione “dedicato non soltanto ad avvocati e magistrati ma anche ai non giuristi, come i professionisti, gli operatori e i volontari dell’assistenza, del terzo settore, dei servizi sociali e della scuola, della prima accoglienza”. Alla presentazione, svoltasi al Tribunale di Milano, sono intervenuti mons. Angelo Bazzari (presidente onorario della Fondazione don Carlo Gnocchi), AnnaRita Lissoni (Linea di ascolto e consulenza di Telefono Azzurro), Antonio Delfino (responsabile Relazioni esterne Giuffrè Editore).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia