Polonia: Giornata dell’ebraismo, le celebrazioni. Appelli dei vescovi contro il nazionalismo

“È necessaria un’ulteriore e più approfondita formazione” affinché la società polacca sappia riconoscere il sentimento patriottico dal nazionalismo che spesso risulta nemico di altre fedi e culture: lo scrive il presidente dei vescovi polacchi, mons. Stanislaw Gadecki. in occasione della XXI Giornata dell’ebraismo, che da oltre vent’anni precede la Settimana di preghiera per unità dei cristiani. Il messaggio contiene un’indiretta critica delle manifestazioni nazionaliste, verificatesi anche davanti al santuario di Jasna Gora, dove la settimana scorsa un gruppo di pellegrini composto da tifosi delle squadre di calcio nazionali, e munito di striscioni con croci celtiche, si è scontrato con delle persone venute appositamente per dimostrare la loro contrarietà all’idea di una “Polonia solo per polacchi”. “Tali eventi richiedono una valutazione decisamente negativa”, ha ribadito invece il card. Kazimierz Nycz esprimendo il disappunto per quanto accaduto. Il porporato, presiedendo ieri sera le celebrazioni della Giornata dell’ebraismo, ha condannato coloro “che ovunque cerchino dei nemici”, criticando aspramente l’atteggiamento che “unito alla mancanza di un’approfondita conoscenza della storia recente, faccia risorgere i demoni del passato”. In occasione della Giornata presso il museo della cultura ebraica a Varsavia è stata organizzata una conferenza dedicata alla pace, mentre le celebrazioni religiose proseguiranno sabato presso la ricostruita sinagoga dei coniugi Nozyk al centro della capitale polacca.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia