#pattoXnatalità: Blangiardo (Univ. Milano Bicocca), “da contrasto povertà a politica demografica a carattere universale”

Uscire dalla logica del contrasto alla povertà per avviare una seria politica demografica e familiare a carattere universale. Lo chiede Giancarlo Blangiardo, docente di demografia all’università di Milano Bicocca, presentando questa mattina a Roma, presso la sala Nassirya del Senato, il “patto sulla natalità” (#pattoXnatalità) elaborato per contrastare l’emergenza denatalità che affligge il nostro Paese. “Nel 2016 – spiega – sono nati nel nostro Paese 474mila bambini, mentre fino a poco tempo fa la cifra superava il milione”. L’Italia “in termini di denatalità è ai minimi registrati dall’Unità ad oggi ed è all’avanguardia in fatto di denatalità tra i Paesi europei”. “ll saldo nascite e morti – avverte ancora il demografo – è di meno 200mila quest’anno, se continueremo così tra meno di 30 anni saremo a meno 400mila e nel 2060 avremo due milioni e mezzo di persone con più di 90 anni, in un Paese di 60 milioni di abitanti”. Per Blangiardo “siamo sempre stati bravi ad aiutare le famiglie povere a fare figli. I bonus bebè vanno bene , ma il problema è che bisogna aiutare tutti, non solo le famiglie povere, a fare i figli”. Per questo “occorre uscire dalla logica delle misure di contrasto alla povertà ed entrare nella logica di una seria politica demografica che preveda aiuti concreti a tutta la popolazione che desidera essere protagonista dell’investimento nel capitale umano di questo Paese”. “Diamo un forte segnale alla politica”, conclude.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia