Educazione: Catania, da oggi al 20 gennaio esperti a confronto su formazione e genitorialità

Un incontro per approfondire e condividere buone prassi tra chi si occupa di infanzia e adolescenza a tutti i livelli: dalla politica alla ricerca universitaria, dal non profit al settore pubblico, dagli educatori ai genitori. Si tratta di “Bambini e ragazzi: quale futuro? Fra responsabilità e nuovi modelli di genitorialità per la famiglia e la comunità”, convegno nazionale in programma a Catania da giovedì 18 a sabato 20 gennaio. Lo organizza Uneba, associazione di categoria del settore educativo, sociosanitario e assistenziale in Italia, in collaborazione con l’Università di Catania e la Scuola superiore di scienze dell’educazione “San Giovanni Bosco” di Firenze. L’incontro si svolgerà, dalle 15, nell’aula magna dell’Università: dopo i saluti del presidente nazionale di Uneba, Franco Massi, e del presidente di Uneba Sicilia, Salvatore Caruso, previsti gli interventi del rettore dell’Università Francesco Basile, del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, dell’arcivescovo di Catania, mons. Salvatore Gristina, del prefetto di Catania Silvana Riccio, del sindaco di Catania, Enzo Bianco. Ad aprire la serie delle relazioni sarà “Famiglia, comunità umana: quale relazione educativa?” di Alfredo Jacopozzi, teologo e vicedirettore della Scuola superiore “San Giovanni Bosco”. Della “Buona Scuola e alleanza educativa/formativa tra scuola, famiglia, servizi e risorse del territorio” parlerà Rosa Bruna De Pasquale, capodipartimento del ministero dell’Istruzione. “Il lavoro nei consultori familiari: un sostegno alla famiglia in prevenzione” sarà il titolo della relazione di don Edoardo Algeri della Cfc. Infine, “Luci e ombre dell’applicazione in Italia della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia” con il garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Sicilia, Luigi Bordonaro. Venerdì 19 sarà dedicato a sei workshop, con circa quaranta tra relatori e coordinatori, incentrati su fragilità delle famiglie, disagio minorile, integrazione sociosanitaria nei servizi per minori, inclusione sociale e occupazionale, minori non accompagnati, nuove tecnologie. Da ciascun workshop nasceranno gruppi di lavori e reti di collaborazione in tutta Italia che continueranno il proprio lavoro anche dopo la tre giorni catanese. Sabato 20, la sessione di chiusura del convegno, a cui interverranno il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, e l’assessore alle Politiche sociali della Regione Siciliana, Mariella Ippolito.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia