This content is available in English

Ue: Juncker (Commissione), “Brexit è una catastrofe, ma porte dell’Unione aperte al Regno Unito”. Monito alla Polonia

(Strasburgo) “Brexit è una catastrofe, una sconfitta, dalla quale tutti hanno da perdere. E non ci saranno vincitori, ci saranno problemi che peseranno su tutti”: Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, è a Strasburgo per partecipare a un dibattito nell’emiciclo dell’Europarlamento. Trova il tempo per riflettere su alcuni nodi dell’attuale politica comunitaria, a partire del divorzio tra Londra e il resto dell’Europa comunitaria. Severo il giudizio sulla decisione britannica, “ma del resto – afferma – gli inglesi non si sono mai sentiti a loro agio nell’Ue, e questa è una responsabilità” condivisa. Poi si dice “ottimista” sui negoziati con il governo May, che nei prossimi sei mesi sono affidati alla presidenza semestrale bulgara del Consiglio Ue. Infine: “Se i britannici vorranno tornare nell’Ue, le porte sono aperte, come ha detto anche il presidente del Consiglio europeo Tusk”. Juncker coglie l’occasione anche per specificare che “la Commissione non è in guerra con la Polonia e l’articolo 7”, cui l’esecutivo ha fatto ricorso ritenendo a rischio lo stato di diritto a Varsavia, “non è una sanzione, ma una constatazione. E un monito”. Sulla riforma della giustizia attuata dal governo polacco Juncker invoca un passo indietro e un compromesso con l’Ue. Sulla Bulgaria poi afferma: “Si tratta di un esempio di successo dell’integrazione comunitaria. Ora però il governo deve lottare contro la corruzione” che dilaga nel Paese.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa