Migrazioni: Rapporto Commissione Ue. Timmermans, “sulla strada giusta, ma restano sfide e fattori di rischio”

(Bruxelles) “Progressi dappertutto, alle frontiere esterne dell’Ue” sono stati sottolineati dal commissario per le migrazioni Dimitris Avramopoulos che ha illustrato oggi i dati principali contenuti nei rapporti della Commissione sull’implementazione delle iniziative Ue per la migrazione e le frontiere esterne. Avramopulos ha sottolineato che l’Agenzia europea per la protezione dei confini esterni e la guardia costiera sostiene oggi gli Stati membri nelle loro operazioni, comprese le due recenti sulla rotta occidentale del Mediterraneo, che porta in Spagna, con 1.700 persone impiegate. Il documento della Commissione indica però la necessità che gli Stati membri uniscano meglio gli sforzi con l’agenzia per le operazioni di rimpatrio, che finora sono state solo 193 e hanno respinto 8.600 persone. Su questo punto il commissario ha invitato a “essere più coraggiosi” per arrivare a “costruire un sistema di ritorni europeo”. Anche il vicepresidente della Commissione, Frans Timmermans, ha espresso soddisfazione: “Tutti gli attori dell’Ue hanno lavorato duramente insieme per gestire i flussi migratori, proteggere le nostre frontiere esterne e sostenere gli Stati membri. Siamo sulla strada giusta” ma “le sfide e i fattori di rischio della migrazione rimangono”. Occorre “continuare a migliorare il nostro lavoro per salvare vite umane, mettere in atto percorsi sicuri e legali per coloro che meritano la protezione e rimpatriare coloro che non hanno il diritto di rimanere”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia