Formazione: Milano, sesta edizione dell’Università del volontariato. Collaborazione tra Ciessevi e atenei

Con più di ottomila volontari formati attraverso oltre tremila ore di lezione realizzate in stretta collaborazione con tutti gli atenei, pubblici e privati, della città, l’Università del volontariato di Milano, progetto ideato da Ciessevi (Centro servizi per il volontariato della città metropolitana di Milano), riapre i battenti per il sesto anno accademico, portando sui banchi della storica sede di piazza Castello una ricca programmazione didattica incentrata soprattutto sulle sfide del non profit moderno, che chiamano in causa le oltre quindicimila realtà del Terzo settore e gli oltre 240mila volontari attivi sul territorio. Come spiega il Ciessevi in una nota, il tema migranti “sarà uno dei punti focali di questo anno accademico e vedrà in cattedra docenti provenienti sia dal dipartimento di Scienze della mediazione linguistica e di studi interculturali sia dal dipartimento di Scienze sociali e politiche dell’Università Statale di Milano con l’obiettivo di delineare e comprendere il fenomeno delle migrazioni nella sua complessità, ma anche conoscere modalità di esempi e modelli pratici di intervento, grazie al coinvolgimento di operatori e volontari già impegnati in questo campo”. Per questo, in collaborazione con i docenti dell’Università Iulm continua lo studio delle tematiche social del “comunicare il volontariato”. Inoltre, a salire in cattedra, saranno anche professionisti provenienti da Google, LinkedIn e Airbnb con corsi specifici. Per informazioni, sedi, programmi: http://www.univol.it/.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia