Pellegrinaggio Lourdes: Diella (presidente Unitalsi), “il cuore dell’associazione è qui. Da questo luogo non ci muoveremo mai”

(dall’inviato a Lourdes) – “Come Unitalsi non intendiamo arretrare di un passo rispetto a quella che è la nostra storia e la nostra storia è qui a Lourdes. Siamo nati qui, qui siamo cresciuti, qui abbiamo scoperto la nostra vocazione particolare al servizio. Da questo luogo non ci muoveremo mai. Il cuore dell’associazione è a Lourdes”. È l’assicurazione venuta oggi pomeriggio dal presidente nazionale dell’Unitalsi, Antonio Diella, intervenendo al Bureau des constatations médicales, all’incontro che ha visto radunati una trentina tra medici e personale sanitario partecipanti al pellegrinaggio nazionale dell’associazione. “Il pellegrinaggio – ha affermato – è, nell’esperienza dell’Unitalsi, il cuore di quello che viviamo”. Anche per questo, riferendosi a ciò che è successo ieri con i ritardi accumulati dai treni diretti al santuario mariano, ha sottolineato che “la difficoltà vissuta, anche da voi, non mette in discussione né il carisma né la bellezza”. “Quando hai una meta – ha aggiunto – la difficoltà non può mettere in discussione la meta. Piuttosto si tratta di capire come il pellegrinaggio può muoversi nella maniera più serena e semplice possibile”. Parlando dell’esperienza di essere medico e operatore sanitario nell’Unitalsi, Diella nell’evidenziare che si tratta di “una presenza essenziale”, ha osservato che “un medico unitalsiano, un medico credente fa passare la straordinaria idea che non tutto è deciso dagli uomini e dai suoi strumenti dall’uomo. C’è una parte della vita, dell’esperienza e della storia che è scritta da un Altro e che noi non possiamo né imprigionare né analizzare perché ci viene offerto gratuitamente come dono”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa