This content is available in English

Lussemburgo: religione a scuola, si cambia. E le parrocchie ripensano la catechesi. De Rond (diocesi), “nuova sfida”

“Avevamo una lunga tradizione di insegnamento della religione a scuola e i corsi di catechesi nelle parrocchie ruotavano essenzialmente attorno alla preparazione ai sacramenti, prima comunione e cresima. Alcune parrocchie avevano offerte di catechesi più elaborate, ma gli sforzi erano concentrati sui corsi di religione nella scuola pubblica: gli insegnanti di religione erano formati, nominati e incaricati con la missio canonica da parte dell’arcivescovo e assegnati alle diverse scuole”. Lo spiega al Sir Patrick de Rond, responsabile diocesano della catechesi, delineando la nuova situazione delineatasi in Lussemburgo: a partire da quest’anno scolastico 2017/2018 il Granducato ha eliminato dalle scuole la possibilità di seguire il corso di religione lasciando un unico “corso sui valori” incentrato sui temi della convivenza; saranno anche presentate le religioni “in modo paritario” ma “bisogna vedere come funzionerà”. Così è in atto una “seconda rivoluzione” nella Chiesa del Lussemburgo in queste settimane. Dopo la ristrutturazione parrocchiale entrata in vigore nel maggio scorso, che ha ridisegnato il territorio trasformando le oltre 280 parrocchie esistenti in 33 comunità, è il tempo della catechesi.
A partire dall’anno scolastico appena iniziato saranno le parrocchie ad assumere il percorso della catechesi dei bambini, ruolo finora assegnato alla scuola pubblica. Ora le parrocchie devono “prendere in mano l’educazione cristiana attraverso un’offerta di catechesi”. A livello diocesano si raccoglie la “sfida” ed è stata elaborata una proposta di percorso, “Vivere la fede, crescere nella fede”, differenziata in tre fasce d’età. Si tratta di “un grande cambiamento sul piano dell’organizzazione”, sia in relazione alla nuova strutturazione territoriale delle parrocchie, ma soprattutto per la necessità di trovare persone che s’investano di questa responsabilità per assicurare i percorsi educativi alla fede.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa