Diocesi: Milano, domenica la festa di apertura degli oratori

“Per i ragazzi l’oratorio è il tratto di strada in cui oggi è realmente possibile incontrare Gesù, essere amati da lui e diventare, sempre più consapevolmente, suoi discepoli”. Lo ha detto don Stefano Guidi, nuovo direttore della Fondazione diocesana per gli oratori milanesi e responsabile del Servizio per l’oratorio e lo sport della diocesi di Milano, al portale della Chiesa ambrosiana, annunciando che domenica 24 settembre si svolgerà la festa di apertura degli oratori. In quel giorno inizieranno i percorsi di animazione. Il sacerdote nel suo intervento ha indicato le condizioni per le quali un oratorio possa favorire l’incontro con Cristo. “Deve essere innanzitutto un oratorio che si accorge dei ragazzi – spiega don Guidi – e che li accoglie, un oratorio che vuole camminare insieme a loro e alle loro famiglie, che ha a cuore la crescita e la maturazione complessiva del vissuto dei ragazzi, un oratorio che diffonde allegria e voglia di stare insieme”. Lo slogan del nuovo anno oratoriano è “Vedrai che bello”, mentre l’apostolo Giovanni ne è l’icona, seguendo l’indicazione di Papa Francesco che “propone di mettersi sulle orme del discepolo amato nel cammino verso il Sinodo dei vescovi del 2018” dedicato ai giovani. “L’oratorio che dice ‘Vedrai che bello’ ha un sogno grande – conclude don Guidi -, quello di portare tutti i ragazzi nella casa di Gesù”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa