Annuncio della Parola: mons. Galantino, “passare da una pastorale di semplice conservazione a una decisamente missionaria”

“Passare da una pastorale di semplice conservazione a una pastorale decisamente missionaria, che rimetta al centro l’annunzio e la testimonianza del Kerygma”. È l’invito rinnovato da mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, durante la nona Convocazione ecclesiale diocesana di Campobasso-Bojano, sul tema “Kèrigma e Chiesa italiana, oggi”. Nel suo intervento, il presule ha definito questo processo una “proposta esigente”, che richiede “quella fiducia del cuore e della mente che impedisce di lasciarsi prendere da un ‘pessimismo sterile’” e “un improrogabile rinnovamento ecclesiale”, che passa dal far crescere “la coscienza dell’identità e della missione del laico nella Chiesa”. A questo proposito, citando l’Evangelii Gaudium, mons. Galantino ha ricordato le parole di Papa Francesco, secondo cui “un eccessivo clericalismo mantiene i laici al margine delle decisioni”. “Talvolta – ha aggiunto mons. Galantino – è lo stesso laico a considerarsi promosso quando riesce a svolgere un servizio analogo a quello del prete per una comunità che voglia oggi annunziare-testimoniare il Vangelo. Il superamento di una mentalità clericale è un passo veramente decisivo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa