Eurostat: nel secondo quadrimestre 2017 media del tasso di posti vacanti nell’Ue dei 28 al 2%

La media del tasso di posti vacanti nell’Unione europea dei 28 è del 2% nel secondo quadrimestre del 2017. Lo comunica oggi l’istituto di statistica europeo, Eurostat. La percentuale corrisponde al 1.7% di posti vacanti nel settore industriale e 2.2% nell’ambito dei servizi. La percentuale è in crescita rispetto all’1.9% del quadrimestre precedente. I Paesi con il tasso più alto di posti di lavoro liberi sono la Repubblica ceca (3.6%), il Belgio (3.3%), la Germania (2.7%), i Paesi Bassi, Austria e Regno Unito a pari merito a 2.6%, seguite di poco dalla Svezia (2.5%). Invece il tasso più basso si registra in Grecia (0.7%) di poco preceduta da Bulgaria, Spagna, Cipro (tutti allo 0.8%) e dal Portogallo (0.9%). Il dato medio europeo riferito ai soli 19 Paesi della zona euro è leggermente inferiore: qui la media è dell’1.9%. Non sono compresi in questa classifica, precisa Eurostat, Danimarca, Francia, Italia e Malta perché i dati non sono omogenei con il metodo europeo (in Italia ad esempio sono monitorate solo le aziende con 10 o più dipendenti).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa