Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Malta: bilancio diocesi in attivo. Aumentano le offerte. Fra le spese, attenzioni particolari per cultura e ambiente

Secondo quanto emerge dal rapporto finanziario per il 2016 che l’arcidiocesi di Malta ha appena presentato, l’attivo di circa 752mila euro registrato dalla Curia è stato “distribuito attraverso sovvenzioni a enti ecclesiali che compiono attività sociali e caritative”. È quanto ha messo in evidenza il segretario per gli affari economici Michael Pace Ross, che ha sottolineato anche il fatto che il 2016 ha registrato un incremento nelle donazioni di 1,8 milioni di euro rispetto al 2015. I diversi capitoli delle uscite ammontano a 36milioni di spesa per l’arcidiocesi. Una delle voci più consistenti di spesa sono gli stipendi per 269 sacerdoti dell’arcidiocesi e i 1150 laici impiegati, soprattutto nelle case di cura per anziani e per i disabili dell’arcidiocesi. Il rapporto mette in evidenza anche due attenzioni particolari della Chiesa maltese in questi anni: da un lato gli investimenti in varie iniziative “ambientaliste”, tra cui l’installazione di pannelli fotovoltaici in circa 30 parrocchie che sta portando benefici economici oltre che “ridurre l’impronta ecologica”. Dall’altra la cura del patrimonio storico e culturale che ha portato alla creazione di una Fondazione per il patrimonio culturale che ora sta lavorando per raccogliere finanziamenti per 17 diversi progetti di conservazione e ristrutturazione.

© Riproduzione Riservata
Europa