Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Diritti: Giornata dei popoli indigeni. Mogherini (Ue), “combattere la povertà e agire per inclusione sociale e civile”

(Bruxelles) “Dieci anni fa l’Assemblea generale Onu ha adottato la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni, che ha istituito un quadro giuridico per i diritti, la dignità e il benessere dei popoli indigeni. Da allora sono stati fatti grandi passi avanti nel riconoscimento e nella comprensione delle difficoltà affrontate dai popoli indigeni. Tale evoluzione positiva è dovuta all’intensificarsi della cooperazione e dei partenariati tra gli Stati, la società civile nel suo insieme e i popoli indigeni. Tali partenariati sono stati possibili poiché i popoli indigeni hanno iniziato a mobilitarsi per far valere i propri diritti, far cessare qualsiasi tipo di discriminazione e denunciare le violazioni dei diritti umani e gli abusi di cui sono vittime”. Lo dichiara l’Alto rappresentante Federica Mogherini, a nome dell’Unione europea, in occasione della Giornata internazionale dei popoli indigeni del mondo che si celebra oggi. “Sebbene rappresentino soltanto il 5% della popolazione mondiale, questi popoli – spiega Mogherini – costituiscono il 15% delle persone più povere del pianeta. Inoltre, i popoli indigeni sono spesso le prime vittime quando la situazione dei diritti umani si degrada”. Con “le sue politiche in materia di diritti umani, la sua politica di sviluppo e i relativi strumenti finanziari, l’Ue ha contribuito alla promozione e al riconoscimento a livello internazionale dei diritti delle popolazioni indigene”.
La cooperazione bilaterale tra Unione “e numerosi Paesi pone un’enfasi particolare sulla partecipazione dei popoli indigeni alla società del Paese in cui vivono, sia a livello locale che nazionale”. L’Ue “ha inoltre intrapreso azioni per combattere la violenza nei confronti dei popoli indigeni e dei difensori dei diritti umani, in particolar modo quando si battono per la difesa della terra e delle risorse naturali”. “L’Ue continuerà ad affiancare i popoli indigeni nella lotta alla discriminazione e alla disuguaglianza. Per questo motivo si adopera fattivamente perché i popoli indigeni siano inclusi nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, nel cui ambito adotterà un approccio allo sviluppo basato sui diritti che comprenderà tutti i diritti umani, così che nessuno sia escluso”.

© Riproduzione Riservata
Mondo