Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Terremoto a Ischia: scossa di magnitudo 4.0. Due donne morte. Soccorritori al lavoro per salvare due fratellini

(Foto: AFP/SIR)

Sono al momento due le vittime accertate della scossa di terremoto di magnitudo 4.0, che ieri sera, alle 20.57, ha fatto tremare l’isola di Ischia. Una quarantina, invece, le persone rimaste ferite tra crolli e macerie. Secondo i dati diffusi dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) il terremoto, di profondità pari a 5 chilometri, ha avuto epicentro tra l’isola di Ischia e la costa flegrea. Particolarmente colpiti i Comuni di Casamicciola e Lacco Ameno dove – spiega la Protezione Civile – “si stanno concentrando le operazioni di soccorso alle persone colpite e ricerca dei dispersi da parte delle squadre dei Vigili del fuoco e delle forze di polizia”. Una delle vittime è stata coinvolta nel crollo della Chiesa Santa Maria del Suffragio. Nel corso della notte, i soccorritori scavando anche a mani nude hanno estratto diverse persone vive sotto le macerie. Tra quelle tratte in salvo a Casamicciola anche un bambino di 7 mesi, Pasquale, tra gli applausi dei soccorritori. In salvo madre e padre, i Vigili del fuoco sono ancora al lavoro per estrarre i due fratellini con cui i soccorritori sono in contatto e ai quali sono riusciti a porgere delle bottigliette d’acqua. Secondo quanto riferito dal Dipartimento della Protezione civile, “durante la notte, grazie a tre corse appositamente organizzate sotto il coordinamento del Comando generale delle Capitanerie di Porto, hanno lasciato l’isola 1.051 persone che sono state accolte a Pozzuoli dai volontari della Croce Rossa Italiana (Cri) prima di allontanarsi autonomamente”.

© Riproduzione Riservata
Italia