Scuola paritaria: Fidae Lombardia, “costo standard” per allievo “unica alternativa a rischio paralisi sistema”. Un nuovo video

Un nuovo video sul “costo standard” per allievo. Lo annuncia suor Anna Monia Alfieri, presidente Fidae Lombardia, definendolo “uno strumento utile” per spiegare la misura sostenuta da dieci anni dall’associazione, “unica alternativa possibile alla paralisi del sistema scolastico”. Nell’anno scolastico 2015/2016, afferma Alfieri, “lo Stato ha stanziato 49 miliardi e 418 milioni di euro per la scuola statale, a fronte dei 499 milioni per la scuola paritaria”. Ogni studente di scuola statale “riceve euro 6.403 (senza contare i contributi dei comuni, delle province e delle regioni); lo studente di scuola paritaria riceve euro 532” e “ciò che manca alla quota necessaria per la sua istruzione lo deve mettere la famiglia, se può. Altrimenti deve ‘scegliere’ la scuola statale”. Per Fidae Lombardia, se lo Stato rinunciasse a garantire il “diritto all’istruzione scelta liberamente di quasi un milione di studenti che frequentano la scuola paritaria” ci troveremmo di fronte alla “crisi della democrazia e all’anticamera del regime di Stato”. Se poi “questo milione di studenti si riversasse sulla scuola statale si verificherebbe il collasso del sistema. Infatti le scuole paritarie consentono allo Stato un risparmio di 6 miliardi di euro annui”.
In questa situazione, avverte, “l’unica alternativa possibile alla paralisi del sistema scolastico pubblico, statale e non statale, è la definizione di un costo standard per alunno, identificato sulla base di dati reali, presi da esempi virtuosi di gestione”. Sulla base di questo costo standard, “le famiglie ricevono dallo Stato un voucher spendibile liberamente o per la scuola pubblica statale o per la scuola pubblica paritaria”.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa