Papa Francesco: Angelus, “quando si consultano oroscopi e cartomanti, si comincia ad andare a fondo”

“Quando non ci si aggrappa alla parola del Signore, per avere più sicurezza si consultano oroscopi e cartomanti, si comincia ad andare a fondo. Ciò vuol dire che la fede non è tanto forte”. Lo ha affermato ieri Papa Francesco all’Angelus, commentando l’episodio evangelico di san Pietro che tenta di raggiungere Gesù camminando sulle acque del Lago di Galilea, ma poi dubita e comincia ad affondare. “Il Vangelo di oggi – ha spiegato il Pontefice, affacciato alla finestra dello studio nel Palazzo Apostolico, a fedeli e pellegrini convenuti in piazza san Pietro – ci ricorda che la fede nel Signore e nella sua parola non ci apre un cammino dove tutto è facile e tranquillo; non ci sottrae alle tempeste della vita. La fede ci dà la sicurezza di una Presenza: la presenza di Gesù che ci spinge a superare le bufere esistenziali, la certezza di una mano che ci afferra per aiutarci ad affrontare le difficoltà, indicandoci la strada anche quando è buio”. La fede, insomma, “non è una scappatoia dai problemi della vita, ma sostiene nel cammino e gli dà un senso”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa