Quotidiano

Quotidiano - Italiano

San Rufino: mons. Sorrentino (Assisi), “è tempo di una Chiesa martire, che dia testimonianza del Vangelo a tutto tondo”

“È tempo di una Chiesa ‘martire’, che dia testimonianza del Vangelo a tutto tondo”. Lo ha detto questa mattina mons. Domenico Sorrentino, vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, durante l’omelia della celebrazione eucaristica che ha presieduto nel Santuario della Spogliazione, nella solennità del patrono san Rufino. “È tempo di una Chiesa che, a partire da noi vescovi, sacerdoti e diaconi, ma anche dai genitori cristiani, ricomprenda la sua vocazione pastorale, facendosi vicina alle persone, andandole a cercarle lì dove esse vivono, dando la mano alle più abbandonate e ferite”, ha detto il presule. Mons. Sorrentino ha ricordato anche la prima visita di Papa Francesco ad Assisi nel 2013. “Nella sua visita denunciò un ‘cristianesimo da pasticceria’, che cioè sforna cristiani belli da vedere nelle rituali celebrazioni, ma che non insaporano il mondo con il loro vissuto evangelico – ha aggiunto -. Basta con la mediocrità. Assisi non può vivere di appuntamenti retorici”. Ricordando ancora le parole pronunciate dal Papa in quell’occasione, il vescovo ha invitato tutti a “spogliarci dello spirito del mondo, per rivestirci di Cristo”. “La ‘spogliazione’ di Francesco non può essere solo raccontata come una bella fiaba. È gesto profetico da accogliere, è messaggio da vivere. Il Santuario della Spogliazione – ha concluso – è nato per questo: come ‘pugno nello stomaco’ delle nostre mediocrità, del nostro cristianesimo di routine, delle nostre tradizioni imbellettate, mentre la nostra vita resta abbarbicata alla logica mondana”.

© Riproduzione Riservata
Territori