Licata: sfiducia sindaco Cambiano. “L’Amico del Popolo” (Agrigento), “noi stiamo con lui”

“L’approvazione della mozione di sfiducia al sindaco Cambiano da parte di 21 consiglieri comunali di Licata, consegna alla storia della Sicilia e del progresso della legalità in Italia, un’altra pagina in chiaroscuro”. È quanto scrive “L’Amico del Popolo”, settimanale diocesano agrigentino, sul sito web. “Da una parte – spiega – l’azione di civiltà civica promossa dal primo cittadino con l’abbattimento dei manufatti abusivi in obbedienza al dispositivo della magistratura. Dall’altra il ritiro della fiducia, da parte di 21 cittadini – i consiglieri dovrebbero chiamarsi secondo, terzo, quarto cittadino – per ‘mancata gestione dei servizi idrici e raccolta rifiuti’”. “Di pagine in chiaroscuro – osserva il settimanale – è piena la storia. E la storia del nostro Stato italiano, con la sua annessa geografia di luci e di ombre, ha in Sicilia la sua linea d’ombra”. Per “L’Amico del Popolo”, “la vicenda del Consiglio comunale di Licata che esercita così democrazia, prima che il sindaco Cambiano, sfiducia la credibilità delle istituzioni, della legge e l’aspettativa di vita sociale, allungando la sua ombra di irredimibilità dalla Sicilia all’intera nazione”. “Cambiano, Licata e la vicenda dell’abusivismo e degli abbattimenti, erano assurte a ‘simbolo’ al contempo di ciò che l’Italia è e di ciò che potrebbe diventare con la pratica di governo e di legalità”. Per il settimanale, “il Consiglio comunale che sfiducia in prima battuta sembra sfiduci Cambiano” ma “più gravemente inocula il virus della sfiducia nella corresponsabilità civile nella pratica di legalità”. “La luce di Licata, e la sua ombra, si allunga così dalla Sicilia, prossima al rinnovo del governo, alla nazione intera”. “Noi stiamo con Cambiano”, prosegue “L’Amico del Popolo”: “La linea d’ombra è passata da Licata, e Cambiano e la città l’hanno fermata e hanno protratto ed esteso la luce, ancora un po’ di luce, che fa sperare se non in un nuovo giorno, almeno in un’ombra più piccola. Chiusa la seduta del Consiglio a Licata, la luce della vita democratica in Italia è rimasta accesa. Grazie a Cambiano”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia