Eutanasia ospedali cattolici belgi: Gambino (Scienza & Vita), “particolarmente importante” l’inibizione di Papa Francesco

“Trovo particolarmente importante che Papa Francesco, attraverso il Dicastero vaticano per la Vita consacrata, abbia inibito la pratica di qualsiasi forma di eutanasia negli ospedali psichiatrici gestiti dai Fratelli della Carità”. Lo afferma in una nota Alberto Gambino, presidente di Scienza & Vita e prorettore dell’Università Europea di Roma. “La fallacia su cui sembrano essersi mossi gli operatori sanitari di quelle strutture belghe – spiega Gambino – muove dall’assioma che la sofferenza e la non guarigione legittimino di per sé l’interruzione provocata della vita, trascurando del tutto che ciascun essere umano, per sua dignità propria, va curato, anche se inguaribile, in ogni stadio della propria esistenza”.
“Quanto all’elemento della sofferenza insopportabile, occorre anche sottolineare – aggiunge il presidente di Scienza & Vita – che, trattandosi in questo caso di ospedali psichiatrici, le patologie dei pazienti sono spesso legate a schizofrenia, depressione, autismo, solitudine, cosicché sia soprattutto in questi ambiti, che la distinzione tra incurabile e inguaribile non possa indebitamente sovrapporsi, pena l’affermazione della cultura dello scarto proprio nei confronti di chi ha più bisogno di cura, accudimento e solidarietà”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia