Pace: Comunità Papa Giovanni XXIII, nel fine settimana a Rimini “Operazione Colomba” celebra 25 anni in prima linea nelle guerre

In occasione del “Colombaraduno”, in programma a Rimini per sabato 22 e domenica 23 luglio, verranno celebrati i 25 anni di attività di “Operazione Colomba” nelle zone di guerra. Il corpo nonviolento di pace della Comunità Papa Giovanni XXIII è nato infatti nell’estate del 1992, nel pieno del conflitto bellico in ex-Jugoslavia, “dall’intraprendenza – si legge in una nota – di alcuni giovani romagnoli sostenuti da don Oreste Benzi, che ha sempre creduto nella potenzialità di questo progetto”. “Portare la presenza di volontari civili, non armati, al fianco dei più poveri, nel cuore delle guerre. Da questa intuizione – spiega Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII – si è poi scoperto che il modello di intervento funziona: dove sono presenti i nostri volontari, allora la violenza si riduce e si favorisce il dialogo”. Dal 1992, prosegue, “siamo intervenuti nella maggior parte delle crisi belliche degli ultimi anni: dalla Cecenia al Congo, da Timor Est al Chiapas”. In 25 anni la Comunità di don Benzi, tramite i progetti di “Operazione Colomba” è intervenuta in 17 situazioni di guerra o di conflitto nel mondo con circa 2.000 volontari. Oggi “Operazione Colomba” è presente in Israele e Palestina, Libano, Albania e Colombia dove denunciano violenze, aggressioni e abusi, proteggono popolazioni e profughi. Dalla Siria, conclude la nota, “grazie ai corridoi umanitari, legali e sicuri, sono riusciti a portare in Italia le famiglie più fragili”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo