Charlie Gard: il Congresso Usa concede il permesso di residenza permanente ma l’iter non sarà facile

(da New York) – Una commissione del Congresso statunitense ha approvato all’unanimità la concessione di un permesso di residenza permanente (Green Card) per il piccolo Charlie Gard e per la sua famiglia. La possibilità di risiedere per un tempo illimitato negli Usa consentirebbe al bambino britannico, affetto da una rara malattia genetica, di ricevere la cura sperimentale ideata dal dottor Michio Hirano, neurologo della prestigiosa Columbia University. Il permesso di residenza non risolve la battaglia legale in corso poiché non equivale alla cittadinanza e Charlie non può essere considerato un cittadino statunitense a cui vengono negate le cure nel Regno Unito. Inoltre l’emendamento proposto dal deputato repubblicano Jaime Herrera Beutler diventerà legge solo dopo essere stato approvato sia dalla Camera dei Rappresentanti che dal Senato. L’iter non si preannuncia facile poiché nella proposta di legge è stato inserito il varo dei fondi per la costruzione del muro con il Messico e norme sull’inasprimento della politica migratoria.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo