Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Nord Kivu (RDC): Fondazione Missio, “rapiti ieri due sacerdoti diocesani. Non si hanno notizie”

Due sacerdoti diocesani della parrocchia di Bugnuca, nel Nord del Kivu, nella Repubblica democratica del Congo, sono stati sequestrati ieri sera da un gruppo di uomini armati e ancora non si hanno loro notizie. Si tratta di don Charle Borromè Kipasa e del suo viceparroco, don Jean Pierre Akilimali, entrambi sulla quarantina d’anni, ordinati sacerdoti nel 1998. Si trovavano in casa quando, verso le 21, è avvenuta l’incursione armata. Lo hanno raccontato alla Fondazione Missio fonti missionarie di Butembo raggiunte al telefono, spiegando che “il parroco e il viceparroco, congolesi, sono stati portati via da un gruppo di rapinatori vestiti da militari” che “hanno rubato, saccheggiato e distrutto tutto, non sappiamo nulla della sorte dei due sacerdoti”. “Qui regna una confusione totale – aggiungono i missionari – non sappiamo se sono comuni banditi che indossavano abiti militari, o appartenenti a qualche gruppo ribelle”. Prima di provvedere al sequestro, i rapinatori hanno portato via due auto e due moto. Le automobili sono state ritrovate poco dopo, non lontane dalla casa in cui vivevano i sacerdoti. “La zona – proseguono i missionari – è ormai insicura da molto tempo, altre situazioni simili si sono verificate in altri luoghi, ma finora non c’erano stati rapimenti. Se non quello del 2012 quando vennero rapiti tre padri assunzionisti”. Una delle ipotesi è che sia un attacco diretto proprio contro la Chiesa cattolica: “Ci sono stati altri attacchi contro la Chiesa e adesso questo contro di noi. Potrebbe essere un messaggio del governo diretto proprio contro la Chiesa cattolica”, concludono i missionari. Il vescovo ha inviato dei sacerdoti nella zona per cercare di capire la dinamica di quanto accaduto.

© Riproduzione Riservata
Mondo