Quotidiano

Quotidiano - Italiano

This content is available in English

Giornata giustizia penale internazionale: Mogherini (Ue), “garantire che gli autori dei reati più gravi siano assicurati alla giustizia”

“L’Unione europea e i suoi Stati membri ribadiscono il loro pieno sostegno alla Corte penale internazionale e al rafforzamento di un sistema di giustizia penale internazionale votato a scoraggiare la commissione di reati, lottare contro l’impunità e garantire la protezione dei diritti delle vittime”. Sono parole dell’alto rappresentante dell’Ue per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini, in occasione della Giornata della giustizia penale internazionale, che si celebra oggi. Il 17 luglio del 1998 veniva infatti adottato lo Statuto di Roma della Corte penale internazionale. Questa giornata “celebra gli sviluppi e i risultati delle istituzioni di giustizia penale internazionale” e “ricorda che dobbiamo continuare a lavorare, a livello nazionale e internazionale, per garantire che gli autori dei reati più gravi siano assicurati alla giustizia”, ha dichiarato Mogherini. Perché “l’impunità genera maggiore odio, che porta ad atti di vendetta e a ulteriori sofferenze” e “la pace rimane un obiettivo irrealizzabile”. L’Ue sostiene anche le “iniziative di giustizia di transizione e i meccanismi della giustizia internazionale relativi a specifici Paesi”, come nel caso della Siria: l’Ue ha erogato 1,5 milioni di euro a favore del meccanismo internazionale, imparziale e indipendente per fornire assistenza nelle indagini e nell’azione penale nei confronti dei responsabili dei crimini più gravi in base al diritto internazionale.

© Riproduzione Riservata
Europa