Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Diocesi: Caritas Bolzano-Bressanone, decima campagna “La fame non fa ferie” contro siccità e carestie in Africa

La Caritas altoatesina ha lanciato oggi la decima edizione della campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi “La fame non fa ferie” con la quale “vuole puntare l’attenzione sulla siccità in Africa”. “La situazione è devastante. Molte famiglie non hanno acqua, miglio, né mais o farina”, spiegano Paolo Valente e Franz Kripp, direttori della Caritas diocesana di Bolzano-Bressanone. “I più deboli sono a rischio – proseguono – oltre un milione di bambini se non ottengono rapidamente un aiuto rischiano di morire di fame”. Secondo Valente e Kripp, “il tempo a disposizione è poco, c’è bisogno urgente di acqua potabile, cibo e medicine”. “Oltre agli aiuti emergenziali – sottolineano – ci sarà bisogno poi di sostegno per permettere alla popolazione, una volta terminato il periodo di siccità, un nuovo inizio”. “In questi dieci anni – ricordano i direttori – più di 100mila persone hanno ricevuto il supporto necessario per costruirsi una vita dignitosa e sono anche nelle condizioni di poter superare periodi di crisi come questo senza aiuti esterni. Migliaia di altoatesini, grazie alle loro donazioni, hanno reso possibile tutto questo”. Alla campagna, infatti, sono stati donati oltre 10 milioni di euro, attraverso i quali la Caritas ha sostenuto progetti di aiuto in 20 Stati africani. Anche quest’anno la Caritas diocesana si affida alla solidarietà e alla generosità della popolazione altoatesina. “Cinque euro a settimana garantiscono a tanti bambini di ricevere quotidianamente cibo e proteine per prevenire la malnutrizione e le sue conseguenze, 8 euro è invece il costo di un forno speciale grazie al quale le donne hanno bisogno di meno legna per cucinare” mentre “40 euro garantiscono un pasto quotidiano a un bambino per l’intero anno scolastico”. Chi volesse contribuire può farlo attraverso i conti correnti della Caritas diocesana di Bolzano-Bressanone: www.caritas.bz.it

© Riproduzione Riservata
Territori